Cosa "non" succede in città

Quel che resta del Nautico

15/08/2015

Qualche giorno fa un amico pizzitano mi ha invitato all’Istituto Superiore Nautico (per gli amici “Il Nautico”) per mostrarmi il suo progetto: ha ottenuto la concessione di un’ala dell’istituto abbandonata per poterla ristrutturare e crearne un centro polifunzionale destinato a co-working / incubatore d’impresa / centro d’aggregazione giovanile/ teatro / sala prove / altro che non ricordo.

Insomma, una bomba di progetto.

Lo spazio sarà pronto tra meno di un mese, ma per mia immensa gioia l’ala destinata al teatro era ancora in stato di abbandono, e per doppia fortuna avevo con me la macchina fotografica. A voi la gallery di macchinari, ruderi e quaderni che oggi ci sono, ma tra poco non ci saranno più (a parte la molla gigante, che la mia amica Alessandra si porterà a Piacenza per donarle nuova vita sotto forma di lampada).

Spero di tornare a parlare di questo luogo, con nuove foto meno polverose e con l’elenco completo delle attività proposte. E spero di pubblicare ancor prima la foto della lampada.

That’s all Folk(o)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply