True life

Amore mio, sei una str**za.

31/08/2015

Questa è la frase che in assoluto mi sento ripetere più spesso.

Ancora più spesso di “è finita la carta igienica”. Immensamente più spesso di “ci pensi tu?” Il numero delle volte in cui mi sento dire “sei una str**za” è pari solo al numero delle volte in cui io dico “abbassa il volume”.

Pari all’infinito.

Sembra che lui non si stanchi mai, e poi mai, e poi ancora mai, di ripetermelo. Ma la cosa davvero sorprendente è la responsabilità di cui viene caricata questa povera parola. A seconda di intenzione e intonazione essa è costretta a mutare significato, e in lei possiamo trovare un’intero repertorio di  sentimenti umani:

  • SEI UNA STR**ZA. Rabbia. Lui è palesemente incazzato.
  • SEI LA SOLITA STR**ZA. Rabbia 2. È ancora incazzato, aggiunge il solita perché altrimenti gli rispondo che è ripetitivo e si incazza ancora di più.
  • MA TANTO TU SEI UNA STR**ZA. Invidia. Il sottotesto è “tu lo puoi fare perché sei una stronza, io non ne avrei mai il coraggio”.
  • DAI, SI SA CHE SEI UNA STR**ZA. Compassione. Qualcosa mi affligge e lui cerca di consolarmi convincendomi che, essendo il mondo intero consapevole del mio essere str**za, nessuno se la prenda più di tanto per quanto dico o faccio.
  • BEH, LA MATO È UNA STR**ZA. Stima. Questa frase viene usata per comunicare a terzi la stima che lui nutre nei miei confronti e nella mia str**zaggine.
  • SEI PROPRIO UNA STR**ZAAutostima. In quel “proprio” è concentrato il suo orgoglio per il semplice fatto che LUI sta con una grande STR**ZA, che solo lui sa gestire e che solo lui riesce a sopportare, il resto del mondo no.
  • CE LA FAI A NON FARE LA STR**ZA? Disperazione. Me lo chiede, ma non crede che ciò possa avverarsi. Sono parole al vento che ripete invano, tanto per rimarcare il concetto.
  • LO VEDI CHE SEI STR**ZAPresunzione. È il suo “te l’avevo detto”.
  • QUELLA STR**ZA DI SUA FIGLIA. Cameratismo. È il modo in cui vengo appellata quando parla con mio padre. E diverte molto entrambi.
  • OCCHIO CHE È UNA STR**ZA. Amicizia. Non verso di me, ovviamente. Mette in guardia le persone che mi presenta. Certe cose è meglio chiarirle subito.
  • LA MIA PICCOLA STR**ZETTAAmore infinito. Il complimento che va per la maggiore in casa nostra. Forse l’unico. Sicuramente il più sentito.

La triste verità è che non sono str**za, sono solo molto distratta. Penso continuamente a qualcosa, solitamente a qualcosa di inutile. E pensando a cose inutili non penso a chi o cosa ho davanti. Quindi sembro stronza…

Ok, questa scusa non sta in piedi, ma almeno ci provo a giustificarmi.

Cosa che una vera str**nza non farebbe mai, no?


That’s all Folk(o)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply